Tradizioni popolari

Streghe e starione

Streghe e starione

Cronache e documenti d’archivio ci parlano della diffusione di streghe e stregoni anche nel territorio bolognese. Nonostante ci siano stati episodi di intolleranza nei confronti soprattutto di donne bollate come fattucchiere o streghe anche in precedenza, il fenomeno della caccia alle streghe raggiunse l’apice nei secoli XVI-XVII. Un crudele destino fu riservato anche alla persicetana Margherita Sarti, accusata e processata per stregoneria nella chiesa di S. Domenico a Bologna all’inizio dell’anno 1700: dopo aver abiurato e ascoltato la propria condanna, l’anziana signora fu frustata percorrendo le vie della città e condannata all’esilio, di cui non poté beneficiare morendo in seguito alle sferzate ricevute.

Doti magiche venivano attribuite anche a guaritori e guaritrici che nei paesi dell’Emilia e della Romagna non esercitavano l’arte come professione, ma come “virtù” ricevuta e si prestavano volentieri, all’occasione, a mettere in pratica i rimedi della terapia popolare, sempre accompagnati da rituali, segni, formule ritenute efficaci contro le malattie, il malocchio e le fatture. Come segnalato nell’interessante studio di P. Pancaldi e A. Tampellini (“Tradizioni, credenze, superstizioni fra Bologna e Modena”, 2016, ed. Marefosca), a San Giovanni in Persiceto, nel primo dopoguerra, una donna detta “la Pizirèna” interveniva anche sui malanni di mucche e maiali per aiutare i contadini della zona mentre, sempre a Persiceto, in un’abitazione rurale presso la località Poggio ha esercitato a lungo “la Pierina”, guaritrice di seconda generazione che trattava vari tipi di affezioni sia fisiche che psichiche accogliendo vere e proprie folle di pazienti.

Scomparso ormai da tempo l’impiego di erbe a scopo magico-curativo, alle nostre starione rimaneva un ricco bagaglio di “segnature” (pratiche magiche, rituali scaramantici, preghiere, ecc.). Un metodo contadino raccolto ad Anzola dell’Emilia, ad esempio, raccomandava di utilizzare foglie di salice unitamente a segni e preghiere per togliere i porri della pelle.

“Emozioni che lasciano il segno…”

Lascia qui la tua emozione o un ricordo indimenticabile legato a questo evento

Non ci sono commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati