Tradizioni popolari

La rugiada e l’aglio di San Giovanni

La rugiada e l’aglio di San Giovanni

Una tradizione popolare legata alla festa della natività del santo patrono di Persiceto, San Giovanni Battista, attribuisce virtù prodigiose alla rugiada del 24 giugno: era usanza spalancare porte e finestre di casa (ante degli armadi comprese!), in modo che la “guazza” potesse entrare e benedire l’ambiente domestico, proteggendo i suoi abitanti da malattie e parassiti. Tale simbolo rimanda idealmente all’acqua utilizzata dal precursore di Cristo per battezzare, ricollegandosi, inoltre, ad antichi riti di lustrazione pagani.

Altre credenze diffuse nel territorio emiliano-romagnolo fanno della notte di San Giovanni un momento propizio per la raccolta di erbe officinali (l’iperico in particolare), per veglie e incontri notturni. Per quanto riguarda il nostro territorio non va dimenticata, infine, la tradizione dell’aglio di San Giovanni, reputato simbolo di ricchezza e di abbondanza, a cui si ricollega la fiera del paese organizzata nel fine settimana adiacente al 24 giugno, chiamata appunto “Fira di ai”.

“Emozioni che lasciano il segno…”

Lascia qui la tua emozione o un ricordo indimenticabile legato a questo evento

Non ci sono commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati